16 agosto 2019

Ben Patterson per Yoko Ono

Ben Patterson e Yoko Ono sono tra i principali rappresentanti del movimento Fluxus nato da un’idea del lituano-americano George Maciunas (1931-1978), che lo concepì come un tentativo di fondere le istanze rinnovatrici culturali, sociali e politiche in un unico fronte d’azione. A New York Maciunas venne in contatto con un gruppo di artisti e musicisti che gravitava attorno a John Cage e La Monte Young, tra cui,  Dick Higgins, Yoko Ono, Jonas MekasRay Johnson, Flynt, Ben PattersonNam June Paik, Wolf Vostell, Joseph Beuys, Charlotte Moorman, Ben Vautier, Philip Corner, Al Hansen, Jackson Mac Low, Emmett Williams, Takako Saito, A-YO, Joe Yones, Geoffrey Hendricks, Giuseppe Chiari, Alison Knowles, per poi trasferirsi per alcuni anni a Wiesbaden nella Germania Ovest nel 1961, dove conia il termine Fluxus (inteso come “to flow”). Il 9 giugno 1962 Maciunas promuove il Fluxus festival allo Städtisches Museum di Wiesbaden (Germania) dal titolo Aprés Cage; Kleinen Sommerfest (traduzione dal tedesco: Dopo Cage; Un Piccolo Festival Estivo) e successivamente il movimento si diffonde in Europa (Copenaghen, Parigi, Düsseldorf, Amsterdam, L’Aia, Londra, Nizza, Italia) e Asia (Giappone).

La collaborazione tra Rosanna Chiessi/Pari&Dispari   e gli artisti del movimento Fluxus inizia nel 1974 e rimarrà un rapporto costante nella sua vita artistica e quotidiana, rinsaldato da amicizia e stima oltre che da attività e produzioni artistiche.

Anche nella relazione tra Ben Patterson e Rosanna Chiessi l’amicizia e la sintonia gioca un ruolo fondamentale nella loro collaborazione artistica. Nell’arco di oltre 30 anni si ritrovarono in varie parti del mondo: a Cavriago, dove l’artista realizza l’edizione Come prendere un uomo per il collo nel 1988, nel 1990 a New York, nel 1989 a Reggio Emilia per la Cena Rossa, nel 1990 a S.Geminiano per l’evento la Cena Rosa, di cui fu protagonista, nel 1991 per la Cena Blu a Castel di Tusa a Messina e nel 2003 e 2005 partecipa  alla collettiva con 130 artisti, organizzata da Rosanna, Un cuscino per sognare, nata dall’esigenza di comunicare i propri “sogni” attraverso le diverse espressioni dell’arte contemporanea. La mostra ha un elevato carattere internazionale per la rosa di artisti presenti e per l’originalita’ delle opere realizzate appositamente da  centotrenta personaggi internazionali del mondo della cultura tra artisti, scrittori, poeti, musicisti, designer, intellettuali, tra i quali Yoko OnoDaniel Spoerri, Shozo Shimamoto, Ben Patterson, Jakob De Chirico, Alan Kaprow, Arrigo Lora TotinoLuca Maria Patella

UN CUSCINO PER SOGNARE DI BEN PATTERSON PER YOKO ONO

Pen Patterson realizza per l’occasione tre federe stampate con interventi manuali, fiori, cm 41 x 60 dedicate a Yoko Ono.

Sulle tre federe (rosa, gialla e bianca) sono stampate l’immagine di Yoko Ono, il simbolo Fluxus, le frasi ” Ich bin nicht siebzig. Ich bin SEXY      DREAM – TIME  00:00″ (Non ho settant’anni. Io sono SEXY        SOGNO – ORE 00:00). E’ chiaro il riferimento scherzoso di Ben Patterson all’amica Yoko Ono che nel 2003, anno di realizzazione delle 3 federe, compiva esattamente 70 anni.

Nella federa sono inseriti dei fiori colorati ed è attaccato ad ognuna un cartellino con un breve testo intitolato Fill with e a seguire una lista di possibilità: “Fill with…flowers, grass, gravel, love, or stones….whatever you want to dream about” (Riempi con … fiori, erba, ghiaia, amore o pietre …. qualunque cosa tu voglia sognare).

<<Leggi attività artistica Ben Patterson e collaborazione con Rosanna Chiessi>>

 

 

 

 

Notizie