5 maggio 2015

Ay-O

Ay-O (Takao Iijima, Giappone, 1931) inizia la sua carriera nella Demokrato Artists Association, creata da Ei-Q, influenzato dai valori da questa promossi: libertà e indipendenza del fare arte.
Aderisce poi al consanguineo movimento Sozo Biiku, fondato da collezionista, Sadajiro Kubo a Fukui. A questo periodo risalgono le prime opere che ritraggono una grande ‘x’. Presentato a George Maciunas da Yoko Ono nel 1961, si distingue nel movimento Fluxus per i suoi Finger Boxes e le sue performance.
Diventa celebre in Giappone, negli Stati Uniti e in Europa come Rainbow Man per il suo uso dei colori in una infinità di gradazioni. La sua arte è un vero e proprio mezzo di esplorazione dei sensi.
Rappresenta il Giappone alla Biennale di Venezia del 1966, e a quella di Sao Paulo del 1971. Nel 1970 costruisce ad Osaka il famoso Tactile Rainbow, del 1971 è invece Nashville Skyline. Nel 1987 mette in atto una serie di Rainbow Heppenings, tra cui quello sulla Torre Eiffel di Parigi. Le sue opere sono state esposte in importanti gallerie e musei di tutto il mondo e il suo percorso è coronato dalla grande retrospettiva del 2006 a Fukui.

La lunga collaborazione di Rosanna Chiessi con gli artisti del movimento Fluxus inizia nel 1974 con Joe Jones e Takako Saito, ospitati a lungo a casa di Rosanna a Reggio Emilia, dove crearono tante opere. Seguono dal 1975 le fiere a Basilea con Charlotte Moorman e Nam June Paik, le performance a Napoli del 1976, il viaggio a New YorK nel 1977 dove incontra Maciunas e tutti gli artisti Fluxus: Dick Higgins, Bob WattsAlison KnowlesPhilip CornerJackson Mac LowGeoff Hendricks, ecc. Tutti questi artisti, oltre a Nam June Paik, Joe Jones, Takako Saito, Carolee Schneeman, Milan Knizak, Ay-O, Daniel Spoerri, Kosugi, Simon Forti, Charlotte Moorman, Ben PattersonCoco Gordon, Rita Lintz, Eric Andersen, Al Hansen, Emmett Williams,  frequentano la casa laboratorio artistico di Cavriago fino al 1990, per proseguire poi nelle altre sedi di attività di Rosanna (Capri, Reggio Emilia, ecc.).

Rosanna Chiessi ed Ay-O collaborano per un lungo lasso di tempo, tra gli anni ’80 e il 2007. Interessante il carteggio che testimonia, tra la fine degli anni ottanta e l’inizio dei novanta l’impegno di AY-O e di Rosanna per organizzare una performance, impegnativa, basata su un arcobaleno di tessuto lungo venti metri.  Il 23 maggio 1990 AY-O è interprete a Venezia della cena arcobaleno/Rainbow Gondola Dinner della serie ideata da Rosanna Cene Colorate, seguita poi dalla performance Arcobaleno a Cavriago. La collaborazione continua con la relizzazione nel mese di giugno del 2007 a Capri della performance  OBJECT MANDALA FLOATING PIECES, in omaggio agli amici Fluxus già trasferiti in paradiso o all’inferno, che si svolge il 27 giugno alle ore 20, con partenza in barca da Marina Grande e direzione Grotta dei Coralli. In omaggio agli amici Fluxus scomparsi vengono calati in mare, davanti alla grotta, violini dipinti da AY-O con le custodie e cappelli e con ceri all’interno, poi i reperti vengono recuperati.