5 maggio 2015

Corrado Costa

Corrado Costa (Mulino di Bazzano, Parma, 1929 – Reggio Emilia 1991), avvocato di professione, ma anche poeta sperimentale e poliedrico, indagante il conflitto tra la parola e la realtà, compone poesie come quelle dello Pseudobaudelaire (1964), racconti come L’equivalente, saggi, opere teatrali e molti altri lavori letterari tra cui Le nostre posizioni, così come diverse opere scritte a quattro mani con altri noti artisti.
Crea e collabora a numerose riviste di letteratura d’avanguardia tra le quali Malebolge.
Componente del Gruppo 63 accanto a Nanni Balestrini, Achille Bonito Oliva, Giorgio Celli, Adriano Spatola, Umberto Eco, Alfredo Giuliani, Giulia Niccolai, Edoardo Sanguineti e molti altri, frequenta una larga cerchia di artisti visivi come Claudio Parmiggiani, Giovanni Rubino e William Xerra.