16 novembre 2017

Pubblicato l’Archivio Storico Fotografico Pari&Dispari a cura della Biblioteca Panizzi

I 54 album che documentano l’attività dell’Archivio Pari&Dispari sono consultabili on line.

Nel marzo 2017 nasce presso la Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia, grazie ad una donazione, il fondo “Rosanna Chiessi, Archivio storico artistico PARI&DISPARI”, costituito da 54 album con migliaia di fotografie riordinate e commentate da Rosanna Chiessi. Gli album documentano e raccontano importanti capitoli di arte contemporanea internazionale dalla fine degli anni ’60 al 2015. In oltre 40 anni Rosanna Chiessi attraversò l’arte lavorando con artisti di tutto il mondo, in particolare dell’ area concettuale italiana, poeti visivi, Azionismo Viennese, Fluxus, arte performativa e movimento Gutai. Gli album, assemblati da Rosanna Chiessi, includono anche immagini di vita vissuta, restituendo anche lo spirito e l’atmosfera di quegli anni.

Dal novembre 2017 i 54 album, accompagnati ognuno da un testo descrittivo e corredati da uno schema definito da Rosanna Chiessi, sono consultabili sul sito della Biblioteca Panizzi, a disposizione di coloro che intendono studiare, approfondire e vedere uno spaccato di arte contemporanea internazionale.

La Biblioteca Digitale di Rosanna Chiessi (BDRC) è consultabile al link seguente

Visita i 54 album

The 54 albums that record the activity of Pari & Dispari Archive can be viewed on line.

In March 2017, the foundation Rosanna Chiessi, “Pari&Dispari historical Artistic Archives” is established at Biblioteca Panizzi in Reggio Emilia, thanks to a deed of gift.

54 albums, with thousands of photos, indexed and commented by Rosanna Chiessi, supply documentary evidence to important chapters of contemporary international art since the end of the Sixties to 2017.

For more than 40 years Rosanna Chiessi took part in Art,working with worldwide artists, especially with Italian conceptual artists, Visual poets, Viennese Actionism, Fluxus, Performative Art Gutai.

These albums, assembled by Rosanna Chiessi, include pictures of real life and emphasize the  age athsmosphere and spirit.

Since November 2017 it is possible to look up in the 54 Albums on Biblioteca Panizzi site. Each Album is accompained by a descriptive text and an outline defined by Rosanna Chiessi and is at disposal of contemporay international art scholars.

It is possible to consult Digital Rosanna Chiessi Library (BDCR)

Visit the 54 albums

Album 1-9

Carrellata delle principali attività di Pari&Dispari, Esposizioni, Eventi
A brief loot at  Pari&Dispari most important activities

Questi primi album raccolgono una carrellata delle principali attività di Pari&Dispari dal 1968 agli anni 2000, in seguito ulteriormente approfondite in album dedicati. Si inizia con la collaborazione con artisti concettuali italiani, fotografi,  rappresentanti della poesia visiva. L’inizio del connubio con gli artisti dell’Azionismo Viennese, in particolare con Hermann Nitsch, i principali esponenti del Fluxus,quali Paik e Charlotte Moorman, performer delle diverse nazionalità, tra cui Urs Lüthi, l’amicizia e l’attività con Corrado Costa, Giuseppe Desiato, Raphael Alberti, Franco Vaccari, Franco Guerzoni e tanti altri. Gli album illustrano le fiere d’arte a cui partecipò Pari&Dispari, alcune dirompenti come quella di Bologna del 1978, l’attività artistica svolta a Cavriago con Festival e feste a tema negli anni’80, le pubblicazioni autobiografiche, i viaggi a New York, a Londra per incontrare artisti, le diverse esposizioni tenute a Reggio Emilia, a Berlino negli anni ’90 nella galleria Art in progress aperta da Rosanna per giungere alla mostra itinerante Un cuscino per Sognare negli anni 2000.

Album 10-14

Attività Pari&Dispari, festival, performance, feste promosse a Cavriago
Pari&Dispari activities, festivals, performances organized in Cavriago

Gli album descrivono l’attività artistica organizzata da Rosanna nel periodo 1977-1988, in cui visse a Cavriago , ospitando artisti da tutto il mondo e trasformando la sua casa in un laboratorio creativo in continuo fermento. Gli eventi si susseguono, a volte coinvolgendo tutto il paese in festival internazionali d’arte, con l’idea di trasformare il paese in un museo contemporaneo, od organizzando eventi in altre realtà. Note sono le feste di maggio a tema Fiume sul Pò, Festa dell’aria, il Fascino della carta, la mostra Umori naturali, le 5 Stagioni e le rassegne Tendenze d’arte internazionale con i primi concerti Fluxus. Furono centinaia gli artisti  delle principali correnti artistiche che passarono in quegli anni da casa di Rosanna.

Album 15-28

Fluxus, esposizioni, mostre ed eventi
Fluxus, exhibitions, events

La lunga collaborazione con gli artisti del movimento Fluxus è illustrata in questi 13 album a partire dai primi incontri del 1974 con Joe Jones e Takako Saito, ospitati a lungo a casa di Rosanna a Reggio Emilia, dove crearono tante opere. Seguono dal 1975 le fiere a Basilea con C. Moorman e Nam June Paik, le performance a Napoli del 1976, il viaggio a New YorK nel 1977 dove incontra Maciunas e tutti gli artisti Fluxus: Dick Higgins, Bob Watts, A.Knowles, Philip Corner, Jackson Mac Low, G. Hendrichs, ecc. Tutti questi artisti, oltre a Paik, C. Schneeman, M.Knizak, Ay-O, Spoerri, Kosugi, S.Forti, C. Moorman, B. Patterson, C.Gordon, R. Lintz, E. Anderen, Al Hansen, E.Williams,  frequentano la casa laboratorio artistico di Cavriago fino alla fine degli ’80. Rosanna più volte li raggiunge a New York ed  incontra anche John Cage. Negli album dedicati a C.Moormann si descrive il periodo vissuto a Cavriago dove creò i famosi violoncelli di carta, la performance a Reggio e in quelli dedicati a Paik la grande mostra di Reggio del 1990.  Tantissime sono le mostre a Reggio Emilia, in Italia e in Europa compresa la partecipazione alla Biennale di Venezia con Ubi Motu Ibi Fluxus anche con  Yoko Ono, a cura di A. Bonito Oliva.

Album 29-30

Corrado Costa-Giuseppe Desiato

Rosanna dedica due album agli amici di lunga data Corrado Costa e Giuseppe Desiato. C. Costa poeta artista visivo e performer nell’album è fotografato nel 1978 durante il rogo dei suoi libri Giovanna demonomaniaca invenduti, segue la tovaglia apparecchiata Odissea, performance con il poeta visivo Arrigo Lora Totino e la storica figura di Emilio Villa. La collaborazione con Desiato inizia nel 1965 con il monumento allo scugnizzo, poi riproposto a Reggio,in piazza S.Prospero. Seguono fotografie delle sue messe in scena antropologiche di ritualità partenopee con spirito demifisticatorio, anche con oggetti votivi paradossali. Di estremo valore l’opera del 1973 Napoli-2 al tempo del colera, con testo di Emilio Villa.

Album 31-33

Hermann Nitsch – Azionismo Viennese
Hermann Nitsch-Viennese Actionism

Le prime collaborazioni con l’Azionismo Viennese, in particolare con Hermann Nitsch, risalgono ai primi anni ’70 con al partecipazione a Fiere, la creazione di opere a casa di Rosanna a Reggio Emilia, l’amicizia, le prime edizioni, le visite al castello di Prinzendorf, dove Nitsch inscena le numerose performance. Si intrecciano momenti d’arte e di vita, come la morte della prima moglie Beate e l’azione del repertorio Teatro delle Orge e dei Misteri alla chiesa di S.Lucia,durante Artefiera a Bologna, in sua commemorazione,  il matrimonio con la seconda moglie Rita, azioni e mostre a Napoli, Bologna, Kassel, Vienna.  Agli eventi Nitsch è sempre accompagnato dal collaboratore Cibulka, anch’esso artista, di cui negli album si documentano mostre e momenti di vita. L’attività di Nitsch si interseca con quella di tanti amici artisti, Dieter Roth, Gerhard Rühm, G.Brus, movimento Fluxus, F.Vaccari, G.Desiato , insieme agli interventi provocatori di Otto Muhl.

Album 34-38

Capri e artisti ospitati a Casa Malaparte
Capri and Artists guests at Casa  Malaparte

Rosanna e Capri: un’indissolubile legame che iniziò a 20 anni e durò tutta la vita. Dalla fine degli anni’80 l’attività di promozione artistica diventa stabile, con l’evento del 1988 Pic nic a Capri dove sono coinvolti 8 artisti di differenti nazionalità: Philip Corner, Fatma Lootha, Takako Saito, Margaret Raspè, Esther Ferrer, Alzek Misheff,HI-Ha. Durante gli anni ’90 Rosanna Chiessi collabora con gli eredi di Curzio Malaparte, per l’organizzazione di eventi a casa. Decine di artisti soggiornano e creano opere ispirandosi quasi sempre a casa Malaparte e allo straordinario paesaggio circostante: R. Dalisi, J.De Chirico, A. Thomas, A. Kaprow, D. Lombardi, C.Gordon, Tufano, G. Jappe, A Elsen, G.Desiato, G.Mundula, G.Pompili, F.Cocchia, C.Sanguineti, O.Kiefer, C.Ciervo, G. Henrdicks, E.Miccini, S.Guberti, M.Mariotti, P.Corner, M.Amato, H. Chin, C.Fullone, M.Rotella, S.Lombardi, H.Nitsch, P.Grassino, C.Alvargonzalez, G.Della Casa,  B. Patterson e altri.

Album 39-41

Fiere nazionali e internazionali
National and International fairs

Importante anche l’attività fieristica di Rosanna dal 1971, a partire dalle prime moderne fiere, Colonia, IKI di Dusseldorf e Basilea, con artisti quali, C.Parmiggiani, F.Guerzoni, M.Ceroli, l’edizione Carte Piacentine, G.Bizzarri, G.Rubino, G.Desiato, R.Alberti. Poi dal 1975 a Basilea nello stand di Pari&Dispari si susseguono performance di H.Nitsch, C.Moorman, N.June Paik e gli altri componenti del Movimento Fluxus. Nel 1976 è clamorosa la partecipazione alla fiera di Bologna, in cui si svolsero in 8 giorni 8 performance degli artisti dell’Azionismo Viennese, del Movimento Fluxus, di U. Luthi. Oltre alle fiere successive di Bologna, partecipa 2 volte ad Arco di Madrid, con la presenza attiva di R.Alberti alla fiera del 1985. Negli anni’90 fino al 2005 seguono numerose mostre dove, oltre ai suoi storici artisti, comincia a proporre nelle fiere il lavoro di giovani che gravitano su Berlino, in cui apre la galleria Art in Progress: C.Alvargonzalez, C.Ciervo, A.Zappalorto, P.Goi, oltre ad A.Vezzani e A.Chiesi.

Album 42-46

Cene colorate
Coloured dinners

Tra i progetti più singolari di Rosanna Chiessi legati alla promozione dell’arte nelle diverse forme espressive che possono arricchire la vita quotidiana e la ritualità sociale è da ricordare quello delle Cene colorate, progetto nato durante un soggiorno a New York tra il 1988 e il 1989 partendo dall’idea del gusto del colore. Rosanna Chiessi invita artisti famosi, note personalità della cultura e dell’economia organizzando le cene in luoghi noti e suggestivi. Le cene realizzate sono 8 a partire dal 1990 e per concludere l’esperienza nel 1998: Cena Verde a casa Malaparte, Cena Blu a Castel di Susa a Messina, Cena Rosa a S.Giminiano, Cena Rossa a Reggio Emilia, Cena Gialla a Montechirugolo (PR), Cena Arcobaleno/Rainbow Gondola Dinner a Venezia, Cena Violetta a Salsomaggiore e Colorno, Cena Bianco e Nera a Merano.

 

Album 47-51

Attività anni 2000 a Capri e Reggio Emilia
Activities in Capri and Reggio Emilia in the years 2000

In questi album ritroviamo gli eventi, che si tengono a Capri e Reggio Emilia negli anni 2000. Si inizia nel 2005 con la performance  di AY-O in mare, dedicata agli amici Fuxus già trasferiti in Paradiso o all’Inferno. Nel 2009, 2010 e 2011 organizza 3 grandi performance lungo via Krupp, la strada che congiunge il centro di Capri a Marina Piccola, riaperta in quel periodo dopo tanti anni: Regalare il Mare con N. Balestrini e B.Picariello,versi recitati e dipinti su una strisci blu verso il mare, Passo dopo Passo nella storia e nel mito di Capri, dell’artista Pietro Iori, Sbandierare l’arte, un’installazione sulle pareti di roccia di 25 bandiere realizzate da altrettanti artisti. Nel contempo si susseguono mostre dell’artista coreana Hyon Soo Kim e del giapponese Takada. A Reggio Emilia si svolgono eventi di portata internazionale: la mostra Un cuscino per sognare, nata dall’esigenza di comunicare i propri “sogni” attraverso le diverse espressioni dell’arte contemporanea, coinvolgendo 130 artisti; la mostra Women in Fluxus & Other experimental tales, a Palazzo Magnani, nel cinquantesimo della nascita ufficiale del Fluxus, accompagnata dalle coinvolgenti performance Follow fluxus a Reggio Emilia e Cavriago. Seguono poi riconoscimenti importati del lavoro di Rosanna e la partecipazione alla riapertura dei Civici Musei con l’esposizione Pari & Dispari. 50 anni di ricerca.

Album 52-54

Gutai 2004-2015, Shozo Shimamoto – Yasuo Sumi

Nel settembre 2004 inizia l’avventura artistica di Rosanna Chiessi con il movimento giapponese Gutai, in particolare con con Shozo Shimamoto e Yasuo Sumi. In 10 anni Rosanna organizza oltre 20 eventi e fonda nel 2007 l’Associazione Shozo Simamoto di cui fu presidente fino alla sua scomparsa nel 2016. Si ripercorrono tutti gli eventi promossi da Rosanna e a cui partecipò con gli artisti Shimamoto, Sumi e altri Gutai ed allievi: la mostra e performance di Trevi Size, mostra e performance all’Atelier 25 a RE, 3 mostre a Spazio Fisico a Modena, Un’arma per la pace a Napoli (convegno, performance mostra), performance Chiostro S.Nicolò (VE), Performance a Napoli, Punta Campanella, Certosa e Villa Bersani di Capri, I colori della Pace al Museo Magi ‘900 a Pieve di Cento ( performance e mostra), Shozo Shimamoto, samurai acrobata dello sguardo a Genova (performance e mostra), mostra Roma.Road to Contemporary art, 2 mostre alla galleria VV8 di Reggio Emilia, di cui La danza del colore con performance, partecipazione alla mostra di Lugano GUTAI-dipingere il tempo e lo spazio, a Bologna mostra nella Basilica di S.Stefano A volo radente, mostra a Capri alla Certosa e Parisienne, performance e mostra antologica a Palazzo Magnani di Reggio Emilia Shozo Shimamoto, opere 1950-2011.Oriente e Occidente, Shozo Shimamoto “Memorial Exibition” a Milano c/o Studio Giangaleazzo Visconti  e Gutay-Scream of matter c/o WeGallery di Berlino.

 

Notizie