17 marzo 2019

Giuseppe Desiato, disegni anni ’60 nell’Archivio Storico Pari&Dispari

Giuseppe Desiato è tra i primi artisti a collaborare con Rosanna Chiessi/Pari&Dispari a partire dagli anni ’70. Amici e operativi in campo artistico si ritrovano costantemente a Reggio Emilia, Napoli, nelle fiere internazionali insiemi agli artisti dell’Azionismo viennese, Fluxus, performer e poesia visiva. Sin dagli esordi si distingue per un’attività prevalentemente performativa di carattere profondamente trasgressivo, che consiste spesso nel creare, distruggere, sculture fatte di veli, fiori, immagini di volti di donne o altro. Desiato gioca con le icone della cultura di massa per creare delle sorti di oggetti votivi paradossali, o monumenti effimeri che lui stesso scompone e riutilizza. Tra le performance di maggior rilievo si ricorda quella realizzata a Basilea nel 1975 nello stand di Pari&Dispari, dove coinvolge Charlotte Moorman, spogliandola e ricoprendola di veli, luci e fiori, sotto gli occhi del capostipite dell’azionismo viennese Hermann Nitsch.

Di estremo interesse sono i Disegni dei primi anni sessanta in cui sono presenti tutti gli elementi dell’attivita’ performativa degli anni successivi. Questi disegni sono stati raccolti da Rosanna Chiessi durante gli anni di collaborazione con l’artista, da cui nascono edizioni ed opere, tra le quali Napoli 2, Monumento allo scugnizzoThe end, opere in stoffa Mare Nostrum e Barca di Curzio Malaparte

Notizie