11 aprile 2019

Carolee Schneemann e Rosanna Chiessi a New York nel 1989

L’artista statunitense Carolee Schneemann, conosciuta per il suo lavoro sul corpo, sulla sessualità e sul genere (femminismo) e dal  1964 per il legame con il movimento Fluxus è scomparsa il 6 marzo 2019. Le sue opere conoscono fama internazionale e numerosi sono i riconoscimenti ottenuti durante la sua carriera: il più prestigioso è stato il Leone d’oro alla carriera ricevuto alla Biennale di Venezia del 2017. Rosanna Chiessi e Carolee Schneemann si incontrano ripetutamente a Cavriago nel 1980, a casa di Rosanna, a New York nel 1985 e 1989 nello studio dell’artista e nel 1990 a Vienna e a Venezia. Durante gli incontri, che spesso sono veri eventi, sono presenti i componenti storici del movimento Fluxus, Yoko OnoTakako SaitoPhilip Corner,  LaMonte YoungAy-OMilan KnizakBen VautierWolf Vostell, Eric Andersen, Ben Patterson, Geoff Hendricks, Emmett Williams, Coco Gordon e tanti altri.

 

A Cavriago Carolee Schneemann lavora nella casa di Rosanna nell’estate del 198o per progettare edizioni. A New York Rosanna Chiessi visita lo studio dell’artista nel 1989.

Nel 1985 Rosanna Chiessi, Ivanna Rossi e Marilena raggiungono gli amici Fluxus a New York, che festeggiano l’evento. 

Dal 21 settembre al 3 novembre del 1990 presso la Galerie Krinzinger di Vienna si tiene la mostra Fluxus subjectiv, accompagnata da incontri, performance e concerti. 

Ubi Fluxus Ibi Motus, mostra curata da Achille Bonito Oliva nel 1990 durante la Biennale di Venezia, negli spazi della Giudecca

Nel 2012 opere dell’artista sono presenti nella mostra Women in Fluxus & Other Experimental Tales, dedicata a Fluxus nel cinquantesimo della sua nascita ufficiale dalla Fondazione Palazzo Magnani di Reggio Emilia, in collaborazione con Rosanna Chiessi.

<<La rassegna fotografica completa>>

Notizie