20 dicembre 2018

Coco Gordon, Fascino della carta

Il fascino della carta è l’evento organizzato da Pari & Dispari nel giugno del 1984. L’evento si svolge in diversi luoghi di Reggio Emilia e ha la carta come materiale privilegiato e filo conduttore di tutte le opere e le performance dell’evento. Non a caso tra le attività cavriaghesi di Rosanna Chiessi era proprio la produzione di carta a mano, che gli artisti poi adoperavano per le loro creazioni. Coco Cordon, ha un ruolo molto importante, poichè produce la carta utilizzata per le performances.

Cappelli di carta/Fascino della carta, 1984. Cappelli di carta a mano realizzati da Coco Gordon, da indossare anche in motocicletta o in bicicletta per non vedere il percorso. Tra le persone Coco Gordon e anche Corrado Costa con un cappello di carta. Chiostro dei Marmi, Civici Musei di Reggio Emilia. Stampe di Coco Gordon cm 21,5 x 28.


Al campo volo Vito Mazzotta fa volare delle mongolfiere di carta, di diverse forme e dimensioni,  create da lui. Giuliana Pini organizza un volo di farfalle presso i Giardini pubblici, e Anna Girolamini fa sbucare le ali della Nike di Samotracia tra i rami degli alberi. La performance più spettacolare è quella dedicata a Piero Manzoni: sette chilometri di carta vengono srotolati da un camioncino tra Cavriago e Reggio Emilia. I fluxus Alison Knowles e Philip Corner tengono un Carta concerto nel Chiostro dei Marmi Romani dei Musei Civici. Adriano Spatola “multa” con mille assi di cuori le auto parcheggiate, mentre Franco Vaccari conia la carta moneta di Cavriago.  Tra gli eventi più importanti, Mimmo Rotella esegue un decollage, Omaggio a Reggio Emilia, che sarà poi donato al Comune ed è attualmente esposto presso Palazzo dei Musei. Alla rassegna parteciparono anche Yasmin Brandolini D’Adda, Takako Saito e molti altri.